Separata sede – Poesia

separata sede poesia online

Nessuno si è ancora accorto
che è passato del tempo
sotto quelle luci
che pochi, o nessuno,
avevano voglia di guardare.

In fondo qui non c’era molto altro
che noialtri:
qualche bicchiere riverso,
come noi, che urlavamo
di lacrime o risate
per essere per una volta diversi
da ciò che sempre ci siamo imposti.

Lavare via il vuoto che ci sentivamo
di reggere, tornando a casa soli,
scoprendo l’essere forti di una nuova luce
insieme o in separata sede.

E così vivere quelle feste:
essendo soli tutti assieme,
a sentire quanta vita passa
anche nelle luci dei peggiori locali,

quanta vita resta
anche quando la luce si riaccende
e la festa è finita.

Lascia un commento


Altro... Poesie
L’invenzione dell’elettricità – Poesia

Se desideri abitare corpo doppio, / non saranno le tue spinte a ricucirmi. / Procederai a divellere il...

Chiudi